skip to Main Content
Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia | teatroescuola info@teatroescuola.it Newsletter
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi


  • Questo evento è passato.

La relazione a scuola – IV° appuntamento

Data:

18 Gennaio 2022 - 17:00 - 19:00

Webinar su ON LINE
a cura di Marco Dallari
per gli insegnanti, gli educatori, gli artisti iscritti al percorso

Interdisciplinarietà della pratica teatrale

Nel primo incontro del ciclo di 4 incontri di formazione “La relazione a scuola. in presenza e a distanza” – promosso e realizzato nell’ambito del protocollo d’intesa A.R.T.I./INDIRE di cui teatroescuola è parte attiva – Marco Dallari ha parlato del teatro in relazione allo sviluppo dell’età evolutiva.

Tutta l’importanza che pedagogisti e psicologi dello sviluppo hanno attribuito al gioco, e in particolare al gioco simbolico, può essere riferita anche all’universo delle narrazioni. Gli elementi di continuità che legano gioco e narrazione consentono di assecondare e perfezionare la relazione simbolica fra bambini e adulti lungo tutto il processo di crescita.
Con il termine metacognizione si intende l’insieme dei processi cognitivi e di costruzione della conoscenza che hanno come oggetto le attività cognitive stesse. La meta-cognizione ha come oggetto le facoltà e gli strumenti intellettuali del conoscere: memoria, apprendimento, ragionamento, immaginario, ecc. La metacognizione narrativa è per eccellenza un congegno che connette (Bateson 1987, 2001)[1]. Essa mette i soggetti che ne sono dotati non solo in grado di comprendere e produrre narrazioni, ma anche di “pensare per storie” elaborando l’universo delle informazioni, delle percezioni, delle esperienze, delle conoscenze e dei vissuti in strutture narrative. La pratica teatrale è la più originaria e “naturale” delle modalità narrative, oltre ad essere quella in cui la dimensione del gioco e della narrazione sono più esplicitamente interconnesse. Ma quando parliamo di teatro non dobbiamo pensare alla sua realizzazione più conosciuta, legata alla tradizione settecentesca: Jerzy Grotowski ci ricorda che è già teatro il rapporto fra una persona che racconta e un’altra che ascolta. Potenziare le competenze narrative e l’organizzazione di esperienze teatrali variamente intese è una risorsa educativa di rara efficacia per la costruzione dell’autonomia, della conoscenza, della qualità della relazione, dell’identità personale.

In questo ultimo incontro, si riprende da qui, dopo essere passati attraverso le riflessioni sulla relazione sensibile e del corpo che pensa proposte da Roberto Frabetti e da Emma Dante.

Il teatro – e l’arte in generale – a scuola è una disciplina fra le discipline? oppure è solo ancella delle discipline che formano il curriculum scolastico? Quale funzione ha il teatro nella scuola e nell’apprendimento?

La registrazione dell’incontro è disponibile sulla piattaforma INDIRE; riservata agli iscritti al percorso formativo.
In caso di problemi tecnici scrivere a: teatroascuola@indire.it

La report dell’incontro è disponibile per gli utenti registrati

Questo contenuto è solo per utenti registrati

Accedi per visualizzarlo!

Back To Top